English | Italiano | Française | Русский

UMMOA Flag

Sunto stampa dell'AMOMU

AMOMU / UMMOA
Bandiera

Bandiera

Stemma

Stemma

Motto: "E Interrete Libertas" (Latin)
"Dall'Internet la Libertà"
Inno: Allegro composto da Stepan Ignatiev
Mappa dell'AMOMU
Articoli Multilingui
  • English
  • Español
  • Deutsch
  • Française
  • Português
  • Русский
  • Italiano
  • Norske
  • Magyar
  • Tipo d'entità Arcipelago multioceanico di 29 possessioni insulari e un territorio continentale
    Luogo Oceano Pacifico, Mar Caraibico, Mar Mediterraneo, Mar Rosso, Oceano Indiano e Antartide
    Capitale Cyberterra (virtuale)
    Città principale Comunità del Quinto Mondo (5WC)
    Lingue ufficiali/Semiufficiali Inglese, italiano, interlingua
    Leadership On. Rev.mo Dr. Cesidio Tallini
    Data di fondazione 19 gennaio 2008
    Data di costituzione territoriale 6 maggio 2008
    Data di costituzione giuridica 22 luglio 2008
    Data di riconoscimento della sovranità 1 marzo 2012
    Area circa 7,695 km² (2,971 mi²) per area insulare, 432,000 km² (166,796 mi²) per area continentale
    Dispute territoriali con Stati Uniti, Haiti, Colombia, Giamaica, Nicaragua, Isole Marshall, Francia, Madagascar, Isole Comore, Mauritius, Seychelles, India, Bangladesh e Kiribati
    Dispute dichiarate con Stati Uniti (Dipartimento degli Interni)
    Populazione Nessuna popolazione indigena;
    75 Nazionali dell'Amomu
    PIL Dati non disponibili
    Valuta Dollaro cyberterrestre (CTD)
    Fuso orario CMT o UTC+1 (nessuna ora estiva);
    ora locale varia da UTC-12 a UTC+12
    TLD .um, .ummoa, .amomu, .island, .islands, .state, .atoll, .bank, .reef, .tf (radice alternativa)
    Prefisso tel. +808 (Midway, Wake, ecc.)
    Struttura di organizzazione implicata Governata da una specie di federazione di nazioni del Quarto, Quinto e Sesto Mondo
    Organizzazioni di appartenenza
    Santo Patrono Il Santo Patrono di Cyberterra, la capitale virtuale, è San René Descartes (13 dicembre).

    Nel gennaio 2007 venne annunciato che la Internet Corporation for Assigned Names and Numbers (ICANN) scaricava il dominio nazionale di primo livello .UM (ccTLD) dal listino master dei nomi di dominio poiché il dominio non veniva utilizzato, e la Information Sciences Institute (ISI) della University of Southern California voleva spossessarsi della responsabilità per il dominio.

    Poiché gli Stati Uniti ancora legalmente presumuno che il diritto romano si estende all'Internet (falsa supposizione, perché può essere dimostrato che il diritto cesidiano governa realmente l'Internet); poiché il dominio di primo livello .UM rappresenta legalmente anche le Isole Minori Esterne degli Stati Uniti, una designazione statistica definita da ISO 3166-1, e che consiste di 9 o 11 possessioni insulari degli Stati Uniti (mappa); funzionari della Radice Cesidiana, una Internet intercontinentale independente dell'ICANN, erano pronti ad occupare legalmente il domino .UM appena ICANN e ISI l'avrebbero abbandonato. Come qualunque nave navigabile abbandonata in acque internazionali, qualunque pirata avrebbe potuto legalmente occupare il domino di primo livello .UM.

    Una volta occupato il domino .UM, il Presidente della Radice Cesidiana avrebbe usato il legalmente occupato dominio .UM per legalmente annettere le Isole Minori Esterne degli Stati Uniti (se gli Stati Uniti possono occupare l'Internet in base a reclami territoriali, allora anche l'opposto dovrebbe essere lecito...), e avrebbe ribattezzato le isole l'Arcipelago Multi-Oceanico delle Micronazioni Unite (AMOMU).

    C'erano anche le versioni in inglese e in interlingua del nome del nuovo paese. La versione inglese del nome del nuovo paese era United Micronations Multi-Oceanic Archipelago (UMMOA). In interlingua il paese era noto come Archipelago Multi-Oceanico del Micronationes Unite (AMOMU). Tallini aveva anche un motto nazionale pronto ("E Interrete Libertas", o "Dall'Internet la Libertà", una bella bandiera, uno stemma, e due domini in più per l'uso del paese, il .AMOMU e .UMMOA (piu tardi anche il .ISLANDS venne stabilito per l'uso dell'AMOMU).

    Sfortunatamente, queste cose non erano alcun segreto agli operatori della Radice Cesidiana, ma non erano alcun segreto neppure agli ufficiali di intelligenza americani, che spiano tutte le email e forse anche le file Internet occulte, soprattutto le email e le file degli uomini della Radice Cesidiana.

    Il dominio .UM non venne abbandonato immediatamente però. A novembre 2007, al sito di registrazione di www.nic.um un messaggio diceva che: «L'iscrizione È CHIUSA in questo momento. Accettiamo soltanto l'iscrizione dei conti degli enti ufficiali di registrazione». A dicembre 2007, registrazioni potevano essere fatte con un "Conto annuale di mantenimento" col prezzo di 1.200 dollari, e con un prezzo annuale di 30 dollari per la registrazione di un dominio.

    Nessuna di queste azioni, naturalmente, ha senso sotto un punto di vista strettamente economico, e infatti non ci sono domini .UM attivi oltre al sito dell'ente ufficiale di registrazione. Queste azioni avrebbero senso comunque se il vero unico scopo della società fosse essenzialmente di conservare la sovranità degli Stati Uniti sulle isole dell'AMOMU, e difenderle da qualunque possibile attacco legittimo e brillante di una Internet ribelle come la Radice Cesidiana.

    Inoltre, le Isole Minori Esterne degli Stati Uniti non sono "territorio" abbastanza secondo le norme legali internazionali poiché:
    1. Le Isole Minori Esterne degli Stati Uniti sono raggruppate insieme interamente come convenienza statistica (non sono un territorio reale nei termini della Convenzione di Montevideo, anche se l'entità è associata ad isole naturali reali);
    2. Le Isole Minori Esterne degli Stati Uniti non sono amministrate collettivamente (non sono un
      paese reale o stato);
    3. Le Isole Minori Esterne degli Stati Uniti non condividono un'unica storia culturale o politica oltre al fatto che attualmente sono isole disabitate sotto la sovranità degli Stati Uniti (non sono una nazione reale).
    Date queste caratteristiche, l'AMOMU è più legittimamente proprietà di una federazione di micronazioni autonome e disperse, che il reclamo di un paese altrimenti legittimo della grandezza degli Stati Uniti.

    Il 19 gennaio 2008 i domini www.ummoa e www.amomu si sono animati nella Radice Cesidiana. L'On. Rev.mo Dott. Cesidio Tallini, già Governatore di Long Island Indipendente, Membro Fondatore della Commonwealth Nations Research Society, e Vescovo della Chiesa Cesidiana, cominciò la prima organizzazione registrata presso il tribunale di Long Island Indipendente con il nome di Arcipelago Multi-Oceanico delle Micronazioni Unite (AMOMU), con lo scopo preciso di fornire ogni macro- e micronazione membro dell'organizzazione un'ambasciata con base sull'AMOMU, così da poter stare con dignità su terreno legale nei termini della Convenzione di Montevideo.

    L'AMOMU esisterà su una fondazione legale chiamata ius cerebri humani poiché è, in essenza, la creazione intellettuale di Tallini, come pure reclamo territoriale nuovo e distinto. Siccome Tallini nacque a Long Island Indipendente, ma non su alcuna delle isole dell'AMOMU; siccome l'AMOMU non ha alcuna popolazione indigena; Tallini, e qualsiasi nazionale della federazione dell'AMOMU, è divenuto cittadino di quel paese via naturalizzazione (ius via naturalisation).

    Il 6 maggio 2008, l'AMOMU ha legalmente invaso il namespace americano, e annesso le 11 possessioni insulari che una volta erano chiamate Isole Minori Esterne degli Stati Uniti.

    Il 22 luglio 2008, l'AMOMU ha ricevuto il riconoscimento di tutti i governi e le nazioni membro del Parlamento Mondiale degli Stati per la Sicurezza e la Pace (PMSSP). L'Arcipelago multioceanico delle micronazioni unite (Amomu) è adesso legalmente incorporato nel Parlamento Mondiale degli Stati per la Sicurezza e la Pace (PMSSP), una Onu alternativa che fu giuridicamente riconosciuta secondo il diritto internazionale, e le prime nazioni a riconoscerla furono gli Stati Uniti e l'Italia. Oggi il Parlamento Mondiale degli Stati per la Sicurezza e la Pace (PMSSP) ha delegazioni parlamentari e diplomatiche in più di 130 nazioni.

    Per ulteriori informazioni sulla storia dell'AMOMU, si prega di visitare quest'articolo wiki (in inglese):



    Domini dell'AMOMU

    Super-Dominio Radice ICANN
    cesid.io
    Anglo-Dominio Radice ICANN
    Italo-Dominio Radice ICANN
    Dominio Radice Cesidiana
    umi.st

    ummoa.io amo.mu
    ummoa.com amomu.com gov.um
    ummoa.net amomu.net gov.ummoa
    ummoa.ru

    gov.amomu
    ummoa.in

    free.islands
    ummoa.st

    wild.islands
    ummoa.info

    ummoa.islands
    ummoa.biz  


    * * *

    Nota Bene: l'Arcipelago Multi-Oceanico delle Micronazioni Unite (AMOMU) non sopporta, né sacriferà potenziali risorse economiche nazionali, per organizzazioni no-profit americane con lo statuto 501(c)(3). Non sarà fatta eccezione a questa regola.